Manuel Vàzquez Montalbàn “I mari del Sud”

mont.jpgicona-voto-asino2Un ricco ma inquieto imprenditore, che si pensava partito verso i “mari del sud” piantando tutto e tutti, viene per caso trovato morto accoltellato in una sordida discarica. La moglie incarica il detective privato Pepe Carvalho di indagare. Per arrivare alla soluzione del caso -in fin dei conti una vicenda piuttosto triste e banale- Pepe deve sporcarsi le mani nella società opulenta della Barcellona della fine degli anni ‘70, fatta di persone potenti e ciniche, anaffettive e di pochi scrupoli, dedite ai propri traffici.

Insomma, il solito cliché dell’uomo duro e disincantato, amaramente alle prese con le brutture del mondo, ma che mantiene un mal dissimulato fondo di pietà e tenerezza, pur non essendo certo uno stinco di santo (con l’occasione Pepe non disdegna di farsela con la disinibita e cocainomane bella figlia della bella vedova, allontanandola bruscamente da sé dopo essersela spupazzata un po’). Continua a leggere