Bruno Gambarotta “Non si piange sul latte macchiato”

gam.pngSegnalo un altro breve libro di questo mite e spiritoso gentiluomo piemontese. Si tratta di una raccolta di otto racconti gialli, piacevoli e un po’ stravaganti; ad esempio il primo prende abbrivio da un concorso di pittura amatoriale collocato all’interno di una Sagra del maiale, e via di questo passo.

A volte c’è anche il morto, ma così, proprio perché non se ne può fare a meno, altrimenti che gialli sarebbero.

Non ci si spaventa neanche un po’, specie perché Gambarotta non vuole spaventare proprio nessuno.

Continua a leggere

Bruno Gambarotta “Torino, lungodora Napoli”

gamba.pngBruno Gambarotta è un pacato e arguto gentiluomo piemontese. L’ho sentito con piacere al Festival della Letteratura di Mantova parlare fra l’altro dell’abisso sul quale spesso si affacciano i grandi scrittori, talvolta finendoci dentro, per concludere che lui da quegli abissi lì si è sempre tenuto ben lontano, a costo di rimanere un modesto artigiano (modesto fino a un certo punto, direi).

Questo piccolo libro non è un capolavoro nè ha alcuna aspirazione ad esserlo, ma è una agevole lettura che lascia un gradevole e positivo ricordo di sé.

La storia è una specie di romanzo nero: da un delitto passionale, scambiato per un omicidio di “mala”, sia scatena una guerra fra bande rivali, naturalmente meridionali.

È una storia in fondo un po’ triste e violenta, ma raccontata con un singolare garbo.

La cosa forse più riuscita del libro è il “coro” formato dai commenti della città ai vari episodi narrati che dà, non senza una certa ironia, una efficace rappresentazione di una certa cortese e spietata indifferenza torinese, condita da una buona dose di egoismo benpensante.

Poronga