Michael Frank “I formidabili Frank”

In questo romanzo dalla forte matrice autobiografica l’autore parla della sua famiglia; una famiglia alquanto singolare dal momento che suo padre e sua madre hanno rispettivamente una sorella e un fratello che si sono sposati tra loro.

Si tratta di una coppia più anziana e senza figli, molto facoltosa grazie al successo ottenuto dai due a Hollywood come sceneggiatori, e che di fatto addotta o quasi il piccolo Micheal, che passa moltissimo tempo presso di loro, esercitando su di lui una influenza molto forte. Questo in particolar modo è vero per la zia Harriet, detta Hankie, una specie di incontenibile virago dalla straordinaria vitalità, ma anche incredibilmente prepotente, possessiva, ricattatoria, superba e giudicante, che avvia il ragazzino al culto del bello, fermo restando che nella musica, letteratura, pittura, architettura eccetera è bello solo quello che dice lei, che ha ferree gerarchie su tutto e tutti.

Continua a leggere