Alice Walker “Il colore viola”

walkicona-voto-asino2icona-voto-asino2Romanzo epistolare. Celie, la protagonista, ha avuto due figli dal presunto padre che ha iniziato a violentarla dall’età di quattordici anni. Sposata da un uomo gretto ed egoista -che non riesce neppure a chiamare per nome-  al solo scopo di accudire sé stesso e i figli nati da un precedente matrimonio, non ha altro per difendersi da una vita di dolore e fatica dove ogni gioia viene negata, che scrivere delle lettere direttamente a Dio.

Celie ha una sorella minore, Nettie, che è riuscita a fuggire da casa trovando una buona vita come missionaria in Africa assieme ai figli di Celie, che le erano stati affidati. Nettie scrive regolarmente alla sorella pur non ricevendo mai risposta perché le sue lettere vengono regolarmente intercettate e nascoste  dal marito di Celie. Attraverso i racconti di Nettie si apprende anche lo scempio che il colonialismo occidentale sta facendo dell’Africa, delle sue popolazioni e delle sue ricchezze naturali.

Altra protagonista del romanzo è Shug, bella, fiera e dalla prorompente personalità, grazie alla quale Celie riesce a trovare le lettere, e con la quale intraprende anche un inaspettato rapporto amoroso.

Shug non è la sola donna nera capace di ribellarsi a un destino di sradicamento, sottomissione  e sfruttamento da parte dei bianchi (il romanzo è ambientato nella prima metà del ‘900), essendovi nel romanzo un’altra prepotente presenza, ossia Sonia, una specie guerriera che paga a caro prezzo il suo indomito orgoglio.

Lieto epilogo e scioglimento finale.

Pulitzer 1983, cui ho il dubbio abbia contribuito anche un certo politically correct.

Debbo però dire che forse ho una sorta di problema di comunicazione, o meglio ricezione, con la letteratura afro-americana, Toni Morrison compresa, che mi lascia spesso poco convinto. Le due teste d’asino sono quindi, ancora più del solito, un personalissimo giudizio.

Poronga

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...