Javier Marìas “Domani nella battaglia pensa a me”

icona-voto-asino2icona-voto-asino2icona-voto-asino2“Domani nella battaglia, pensa a me” è un romanzo che ci immerge in una situazione paradossale, fortemente emotiva, dalla quale non riusciamo a staccarci per molte pagine.

Poi, finalmente si tira un sospiro…ma qui nascono i veri problemi.

Il protagonista, Victor, tenta di uscire da questo drammatico evento, in un qualche modo del tutto approssimativo, commettendo errori e rimanendone profondamente segnato (come sarebbe sicuramente capitato ad ognuno di noi, per cui si crea immediatamente con lui una sorta di critica comprensione…).

Uscirne veramente però, sia emotivamente che nel concreto, si rivela praticamente impossibile. Per Victor la vita è mutata nello spazio di una notte e vi sarà per sempre, una “vita prima” ed una “vita dopo” quella notte, notte in cui pensava soltanto di vivere una occasionale avventura galante.

Nella mente tutto si confonde, il passato sembra non riuscire a rimanere passato e prepotentemente si mischia al presente ed anche all’immediato futuro, tanto da stordire e scompaginare le relative emozioni. Il dialogo interno si fa complesso e talvolta addirittura drammatico. I sensi di colpa si mischiano alle rassicurazioni, che tentano di assolvere, ma non c’è colpa e non c’è perdono. C’è soltanto il vuoto.

Ma se dentro il dialogo ferve, nella realtà al di fuori, il passato è passato ed il presente è presente, implica, incastra, mette con le spalle al muro. Bisogna decidere… soprattutto se passato e futuro sono separati dalla morte. Di una persona a cui siamo stati emotivamente legati.

La morte però è subdola ed ambigua, mette una dura ed incontrovertibile separazione tra passato e futuro nella nostra vita esteriore ed invece lega indissolubilmente passato e futuro nella nostra vita interiore.

Soltanto il Tempo, che scorre in queste occasioni lento e doloroso, riuscirà a dissolvere, a stemperare, ma così facendo riuscirà a dissolvere e stemperare anche parte di noi.  E, qui, forse, si aggiungerà altro dolore…

L’epilogo, non rilascia la tensione. Altri fatti, altre colpe, altri eventi drammatici, si accavallano contemporaneamente alla vicende vissute, in un altro luogo, ma incredibilmente in uno stesso tempo…ed un altro uomo, che si pensava vittima, si rivela invece, oltre che vittima persecutore, in un gioco di circostanze che si avviluppano in un unico gorgo.

Romanzo decisamente impegnativo: talvolta ci attanaglia e ci impedisce di lasciarlo, altre ci affatica, ci costringe a rileggere la pagina, per essere sicuri di aver compreso.

I pensieri di Victor si rincorrono, si fanno complessi, si contraddicono. Lasciano una ambiguità ed una perplessità che ci disorienta, ma il libro è bello, interessante, profondo ed originale.

Mr. Maturin

2 thoughts on “Javier Marìas “Domani nella battaglia pensa a me”

  1. Del tutto d’accordo con Mr. Maturin, questo è un grande libro. Avendolo letto nel lontano 1998, questa volta faccio come Poronga e vado a ripescare le note di lettura che avevo scritto venti anni fa.
    ‘ Un libro – volutamente – di difficile lettura, ma molto bello. Credo che si possa dire di questo libro quello che si dice di libri come l’Ulisse, l’Uomo senza qualità o La ricerca: affrontarli è una grande fatica ma che viene ampiamente ripagata nel tempo. E’ un libro da leggere e rileggere a piccole dosi per la ricchezza dei suoi contenuti. Non mi piace usare paroloni, ma credo che sia un capolavoro. ‘
    Prima che qualcuno dica BUM ! – come ho visto recentemente sull’Asino – che paragoni! chiarisco che non intendo dire che questo libro è all’altezza dell’Ulisse o dell’Uomo senza qualità, ma che merita una attenzione che aiuti a vincere le difficoltà di una lettura impegnativa. Per me merita anche quattro teste.
    Se poi, in questi venti anni, ho mantenuto l’impegno di leggerlo e rileggerlo a piccole dosi non ve lo dirò. Però vi do un consiglio: leggete l’ultimo libro di Marìas, ‘ Berta Isla ‘. E’ molto bello, anche se non all’altezza di questo.

  2. Io almeno da dopo Cervantes in poi (bum!) con gli scrittori spagnoli devo avere qualche problema serio. Mediamente non mi piacciono quasi mai (per esempio ho trovato il pur acclamato “L’ombra del vento” di Zafon un orrendo polpettone gotico).
    Romanzi di scrittori spagnoli che mi sono veramente piaciuti ne ricordo pochissimi (in questo momento mi viene in mente solo “Soldati di Salamina” di Cercas, ma ce ne sarà pure qualcun altro).
    “Domani nella battaglia” non posso certo dire che non mi sia piaciuto, a partire dal titolo shakespeariano, però in certi punti ci sono lunghe, fitte, sovrabbondanti e per me anche un po’ oziose parti nelle quali la fatica che ho fatto non mi pare sia stata adeguatamente ricompensata.
    Però l’incipit è straordinario: Marta, giovane sposa, organizza una serata galante approfittando dell’assenza del marito, a Londra per affari. Ma, terminata la cena, addormentato il piccolo figlio, ed iniziate le prime effusioni amorose, la donna si sente male e dopo un po’ muore. Immaginate l’uomo, che si trova precipitato di colpo in una situazione pazzesca: solo in casa estranea con una donna morta che conosce pochissimo e con il figlio piccolo.
    In effetti le prime 50 pagine del romanzo, che descrivono in modo abile e acuto gli eventi, sono magistrali.
    Il resto del romanzo secondo me non è allo stesso livello, anche se ci sono sviluppi moto interessanti, altrimenti avrei considerato questo libro un autentico capolavoro. Riconosco però che Marìas mostra notevole talento nel dare, riuscendovi appieno, il senso della precarietà e della evanescenza delle cose, e della vita.
    Anche io darei tre teste

    PS: ho sentito parlare bene anche di “Un cuore così bianco” (altro titolo bellissimo). Qualcuno ne sa qualcosa?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...