Ian McInerney “Le mille luci di New York”

macicona-voto-asino2icona-voto-asinoicona-voto-asinoScritto nel 1984, questo breve e compatto romanzo d’esordio fu un caso letterario. Il mai nominato protagonista, cui il narratore si rivolge usando la seconda persona singolare -stile che personalmente non ho mai incontrato prima- è colto in un momento difficile: la moglie fotomodella l’ha appena piantato senza nessun complimento con una telefonata da Parigi, è in crisi col lavoro, ci dà molto dentro con la coca.

Riuscirà il protagonista a riprendersi? Che ne sarà di lui? Non lo sapremo, perché in puro stile Carveriano (di cui McIrnerney fu allievo) il racconto si chiude improvvisamente, come del resto altrettanto improvvisamente si apre. Solo verso la fine da una breve frase rivoltagli dal fratello in un incontro che  rappresenta uno dei non pochi pregevoli passaggi del romanzo, si saprà qualcosa di più (“Non hai mai dovuto fare il minimo sforzo per avere quello che volevi e non hai intenzione di cominciare adesso vero? Sempre promosso, ragazze a piovere, premi, lavoro prestigiosi – ti casca tutto in grembo eh?”).

Il romanzo, nonostante abbia la bellezza di oltre 30 anni (tant’è che mi sono meravigliato per l’assenza di riferimento ai telefonini: per forza, non c’erano!) sembra scritto ieri, salvo che per la spensierata disinvoltura con la quale viene rappresentato lo stra-abuso di coca, sempre presente, forse perché allora non se ne avevano ben chiari gli effetti.

La parte migliore, e anche divertente, è la descrizione dell’ambiente di lavoro del protagonista -una mitica casa editrice newyorkese dove il Mister X lavora nel Reparto Verifica dei Fatti- e soprattutto dei personaggi che si muovono al suo interno.

Certamente un buon libro, che le sue 150 pagine circa rendono abbordabilissimo.

Poronga

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...