Paolo Giordano “Il nero e l’argento”

gioricona-voto-asino2icona-voto-asino2icona-voto-asino2Paolo Giordano è un bravo scrittore. Dopo il degnissimo “La solitudine dei numeri primi” e il coraggioso, e ancor più bello, “Il corpo umano” si cimenta in questo breve romanzo che, con sincera umanità e essenziale scrittura, rievoca la figura della domestica di casa, la signora A.

La signora A., ribattezzata forse a sua insaputa “Babette”, si impossessa del giovane nucleo familiare composto dal narratore, dalla moglie e dal piccolo figlio, diventandone il nume tutelare; e di vera tutela si tratta, al punto che la coppia, appassionata cliente di una dubbia rosticceria che la signora A. disapprova, acquista di nascosto cartocci di anelli di totano e seppie in pastella per consumarli a sua insaputa.

La giovane famiglia si affeziona molto, austeramente ricambiata, alla severa e protettiva signora A., che diventa una persona di casa, al punto di essere regolarmente presente ai pranzi natalizi e in tutte le altre occasioni di rilievo, fino a quando quella che appariva una donna inarrestabile viene colpita da una malattia che non lascia scampo.

Vi sono alcune cose che mi hanno colpito, come per esempio la descrizione della “strana luce, mobile e come ultraterrena” che prende possesso delle camere dei malati.

È un racconto tanto asciutto quanto sincero e toccante, che credo possa essere apprezzato soprattutto da quelli che hanno avuto una “tata”.

Si allinea al già recensito, e assai bello, “Italia” di Marco Lodoli, che però gli rimane una spanna sopra.

Poronga

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...