Melania Mazzucco “Io sono con te. Storia di Brigitte”

mac.pngSi legge come un romanzo, ma è la storia vera di uno di quei migranti che arrivano in Italia con una storia di immensa sofferenza alle spalle e si ritrovano costretti a inventarsi una vita in un luogo di cui non sanno nulla, dove non hanno più nulla, né la famiglia, né i figli, né, spesso, il proprio senso d’identità o la coscienza di ciò che li aspetta.

Brigitte è fuggita dal Congo ed è arrivata in Italia in un gelido giorno di gennaio senza nemmeno sapere dov’è finita, vestita per altri climi, senza un soldo in tasca e soprattutto sconvolta dalle torture subite per due lunghi mesi in cui la crudeltà degli uomini le ha rubato tutto. Tutto. La sua clinica medica, il fratello, ucciso davanti i suoi occhi, i figli che ha dovuto abbandonare da un momento all’altro e della cui sorte da mesi non sa più nulla, la salute del corpo e quella della mente.

È fortunata (come usare una parola così, per una donna che ha subito quello che che è successo a lei?): qualcuno che la vede aggirarsi allucinata per la Stazione Termini e le parla del Centro Astalli di Roma, dove troverà chi la aiuterà nella sua odissea per il riconoscimento di statuto di rifugiato politico e, pian piano, a trovare alloggio, cibo, assistenza medica. A ricominciare.

Un libro sincero e commovente, cristallino nella sua precisione e franchezza, ma anche empatico, emozionato. Un libro che per una volta racconta cosa succede dopo. Dopo la fuga, dopo il viaggio, dopo l’arrivo in Italia, quando la fatica e le difficoltà invece di trovare fine sembrano accanirsi con rinnovata virulenza e non dare respiro, né speranza.

Un libro in cui Melania Mazzucco non è solo autrice ma anche personaggio, perché è possibile guardare, e raccontare la nudità di Brigitte, solo mettendosi a nudo, accettando di esporsi a propria volta.

Una prova di grande sensibilità letteraria ma anche di coraggio, passione, profonda umanità.

la signora nilsson

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...