Ota Pavel “La morte dei caprioli belli”

ota.pngAnche se non direi, come pure è stato scritto, che questo piccolo libro sia un potente antidepressivo, ho trovato che ispiri comunque un singolare e quasi ineffabile senso di serenità. Eppure il cecoslovacco ebreo Ota Pavel, scrittore e giornalista sportivo nato nel 1930, oltre a vedere una guerra e il pogrom della sua gente, soffrì dai 35 anni circa in avanti di rilevanti problemi psichici che lo costrinsero a una lunga serie di ricoveri; ma è proprio questo il periodo della sua più feconda attività letteraria.

Il libro contiene una serie di racconti di cui è protagonista il padre di Pavel, venditore porta a porta di eccezionale bravura, che viene seguito negli alti e bassi della sua vita, che affronta però sempre con ottimismo e intraprendenza anche dopo gli affari più strampalati e fallimentari, fra i quali l’acquisto di un laghetto secondo lui pieno di grasse carpe, col quale si apre il primo racconto. Dietro a lui, costantemente, una moglie solida, paziente ed affettuosa.

Vi è un grande amore oltreché per la pesca anche per la natura, gli animali, le piccole cose e piaceri della vita, che ha un non piccolo ruolo nel riuscire a superare la tragedia dell’aver dovuto vedere molti amici e parenti “uscire nel fumo di un camino”.

È un libro a suo modo un po’ misterioso; non un capolavoro, ma che ha avuto notevole successo e molti lettori.

Poronga

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...