Erri De Luca “La natura esposta”

delSplendido ritratto di un uomo alle prese con la fede. Un corpo a corpo senza esclusione di colpi, una lotta che esige sudore, fatica, sangue versato. E umiltà.

Un racconto teologico, come dice l’autore nella premessa, che rivela la bellezza dell’uomo in tutta la sua commovente nudità, un uomo reso divino dalla propria umanità e null’altro.

Nel suo ultimo, bellissimo libro Erri De Luca riesce finalmente a unire le sue doti narrative e il suo gusto per una lingua tanto scabra e intensa da rasentare la violenza della parola profetica, alla tensione spirituale che da anni lo spinge a scavare nelle Scritture alla ricerca di ciò che rende la fede inevitabile. Necessaria.

Mi ha ricordato, per contrasto, un altro libro bellissimo non a caso anch’esso incentrato sulla figura di Cristo crocefisso e di quei profughi che oggi ne rivivono le sofferenze: Il sangue di San Gennaro di Sándor Márai.

Mentre Márai, tuttavia, sceglie la strada di una sfarzosa opulenza linguistica per giungere a guardare la realtà attraverso la lente rivelatrice di una visionaria follia, De Luca percorre il cammino inverso. Sceglie di denudare la lingua, spogliare il racconto di tutto il superfluo per spingersi sempre più leggero verso la cima, vale a dire verso quel luogo che a chi osserva da terra può apparire un traguardo, un luogo di verità dove finalmente il cielo svela alla terra i suoi segreti, ma che ogni scalatore sa essere soltanto una bufera di venti, un approdo da cui è possibile soltanto tornare, per scendere di nuovo, e immergersi nel nostro destino di uomini.

Ho sempre pensato che Erri De Luca non sarebbe più riuscito a ripetere il miracolo della potenza lirica ed essenziale di Montedidio, ma mi pare che con questo  libro di sia stato capace di scavare dentro l’animo umano con una sincerità e una potenza degna di certe pagine di Tolstoji.

la signora nilsson

One thought on “Erri De Luca “La natura esposta”

  1. Un uomo austero e solitario vive sui monti facendo fra i molti mestieri anche quello dello scultore. Viene incaricato da un ecclesiastico del luogo di metter mano a un pregevole e antico crocefisso col compito di rimuovere il solito panneggio che ricopre la nudità del Cristo per munirlo, scolpendola, della sua “natura” in modo che questa sia esposta. Il breve romanzo racconta come lo scultore per realizzare l’incarico cerchi innanzitutto di entrare in contatto profondo con la scultura, di studiarla a fondo e di capirla. Inizia a questo scopo una specie di percorso che si svolge anche tramite una serie di colloqui non solo con il prete che gli ha commissionato l’opera ma anche con altri religiosi: un rabbino e se non ricordo male anche un musulmano.
    La storia si intreccia con una vicenda, dagli oscuri risvolti, legata al fatto che il nostro uomo, come altri montanari del luogo, trasporta clandestinamente oltre confine dei profughi ma, a differenza degli altri, lo fa gratuitamente, il che suscita la curiosità e l’interesse di una giornalista che ha saputo dello strano caso.
    Il tema principale è abbastanza increscioso e rischia il ridicolo, che peraltro De Luca ben evita, con indubbia padronanza letteraria.
    Detto questo io ormai ai libri di De Luca e al suo ricorrente protagonista, schivo, essenziale e libero mi sono abbastanza abituato, e non posso certo dire, leggendo i suoi lavori, di provare lo stesso interesse e la stessa emozione che ho provato con i primi.
    Per me non più di due asinelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...