Thomas Williams “I capelli di Harold Roux”

capHo letto con grande piacere questo romanzo di Thomas Williams, (scritto nel 1975 ma apparso in Italia solo quest’anno), che ha valso all’autore il National Book Award, il massimo riconoscimento letterario americano (così recita il risvolto di copertina).  Si è rivelato un libro complicato, almeno per me, con tanti personaggi e tanti salti nel tempo, così che solo nelle ultime pagine  ho compreso tutto (almeno credo). Narra di uno scrittore, Aaron Benham e del suo personaggio, Allard Benson, che  è poi lo scrittore stesso, e che in realtà è il vero protagonista: è una storia di ragazzi, giovani  studenti  alle prese con i problemi dell’età, le difficoltà dello studio,  i primi amori, e dei loro  contrasti e scontri  con una banda di non studenti altrettanto giovani, ma sulla strada del bullismo e della delinquenza. Ma non è tanto la storia, o le storie, che hanno reso il libro piacevole, bensì la straordinaria bellezza della scrittura di Williams: riesce a dire le cose più semplici con lunghe sequenze di frasi e  descrizioni  irresistibili tanto sono belli. “….Al di là dell’amore di Helga per George e Edward e al di là della vita attuale di lei, esiste quell’inclinazione, che a malapena Helga si permette di considerare possibile, a far saltare tutto in aria per una incauta, sensuale, colposa, in parte anche vendicativa relazione con quest’uomo più vecchio e aggressivo che adesso la sta guardando. I segnali sono così dolci, così poco temibili, così marginali che, se non venissero colti, avrebbero l’assoluto diritto di non essere mai esistiti”. E poi ci sono le scene erotiche, anch’esse delicatissime , lente,  che durano alcune pagine,  in cui ci si immedesima facilmente e con assoluto trasporto. E poi c’è la moto del protagonista, una vecchia Indian Pony, speculare alla Honda dello scrittore: entrambe sono compagne, non semplici mezzi di trasporto, e Williams sa descriverne i meccanismi e le singole parti – la frizione, il raddrizzatore al selenio, il cambio –  con un  vero affetto e una  precisione da chirurgo:  ricorda Pirsig dello Zen e l’arte della manutenzione della motocicletta, non casualmente pubblicato nel 1974, un anno prima di Roux.  E infine ci sono i capelli di Harold Roux, in realtà una parrucca di capelli rossi, che dà il titolo al libro e diventa protagonista di una scena finale veramente mozzafiato. (Comprenderemo nella postfazione della figlia di Williams la rilevanza di questo indumento).  Insomma, una serie di pregi, non stilistici ma di veri contenuti, che trascendono il contenitore: certo per  farne un capolavoro ci vorrebbe anche una storia più intrigante, ma anche così è un’ottima lettura.

Silver 3

Annunci

One thought on “Thomas Williams “I capelli di Harold Roux”

  1. Incuriosito dalla recensione di Silver 3 ho letto ‘I capelli…’ e ne do un giudizio senz’altro positivo. Non un capolavoro, come si legge da qualche parte, ma un buon libro. Rispetto a Silver 3 ho trovato senz’altro buona, ma non così affascinante, la scrittura. Io sono un po’ prevenuto contro gli scrittori americani, con le dovute eccezioni, perché spesso mi sembrano un po’ troppo simili gli uni agli altri, mentre apprezzo le differenze ben maggiori che vi sono fra gli scrittori europei. Quello che mi è veramente piaciuto del libro è la struttura dei romanzi dentro il romanzo, delle storie che si intrecciano in un gioco raffinato che testimonia il valore della parola e il potere della letteratura. Non è certo il primo romanzo ad usare questo espediente, ma lo fa molto bene, mescolando i diversi livelli di realtà e finzione. E ci fa capire perché in inglese la narrativa si chiama “fiction”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...