I critici letterari

Alessandro Piperno su “La lettura” di oggi” “Di norma le recensioni sono talmente tediose …  Le più modeste svelano la trama, lodano parti del romanzo a scapito di altre, rivelano influenze letterarie (come se a qualcuno importasse). Le buone recensioni sono quelle che hanno il coraggio di parlare d’altro“.
Bravo Piperno, dritto al punto. Io, comune mortale, se leggo la recensione  di un libro è proprio perché VOGLIO che mi si parli di quel libro. Ed è per questo che ODIO le recensioni -e in Italia sono la grande maggioranza- che il recensore usa come pretesto per far vedere quanto è bravo o cosa gli interessa: e chi se ne frega.
Prosegue Piperno: “Il recensore brillante dà peso alle inezie e se ne infischia delle idee generali ... Talora non si perita nemmeno di finire il libro recensito … Tale atto di disonestà ermeneutica non è poi così esecrabile. A un sommelier non chiediamo mica di scolarsi l’intera bottiglia“.
Gesù…
E non si dica che “è una provocazione”, perché una sciocchezza, a qualunque scopo sia detta, una sciocchezza rimane.

Poronga

3 thoughts on “I critici letterari

  1. Ma perché una provocazione? È chiaro che non lo è e che il nostro ha pure ragione. Molto meglio leggere un brillante articolo sui cavoli a merenda che non una noiosa recensione di un libro qualunque scritta da un giornalista non meno qualunque.

  2. io trovo Piperno di una spocchia mortale… anche come scrittore, oltre che come recensore dei recensori. Il suo scritto, che sono diligentemente andato a leggere, è un compendio dei difetti che pretende di attribuire (con qualche ragione) a molti critici. Insomma, la pagliuzza e la trave…. E per favore, il paragone con il sommelier è improprio, odioso e irritante (casualmente in an’altra vita appartenevo alla categoria… )
    Silver 3

  3. Oggi su “La lettura” Franco Cordelli” risponde a Piperno.
    Certo non irritante come P., ma che barba questi articoli fra e per addetti ai lavori!
    Fondamentalmente mi pare che Cordelli dica che in Italia la critica non è disinteressata, per non dire che è proprio prezzolata. Non che sia una gran scoperta, ma almeno c’è qualcuno che lo dice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...