Anthony Trollope ” Le cronache del Barsetshire “

trollIl 24 aprile è ricorso il bicentenario della nascita di Anthony Trollope, scrittore che a me piace parecchio ma non è molto conosciuto in Italia – anche se bisogna essere grati a Sellerio per avere negli ultimi anni pubblicato molti suoi romanzi -, così ho pensato di parlarne. E in particolare di segnalare i suoi romanzi più famosi, quelli che fanno parte del ” ciclo del Barsetshire ” ( sono sei romanzi: L’amministratore, Le torri di Barchester, Il dottor Thorne, La canonica di Framley, La casetta ad Arlington, Le ultime cronache del Barset )

Dirò subito che io li ho letti nel corso di diversi anni e comunque parecchio tempo fa, quindi più che una recensione questa vuole essere una segnalazione. Trollope è stato un contemporaneo di Dickens, ha avuto una fama controversa sia in vita che dopo: in certi momenti ha goduto di enorme popolarità, persino superiore a quella di Dickens – col quale rivaleggiava anche per la lunghezza della barba! –  e secondo molti gli è addirittura superiore per valore letterario. Ma ha avuto anche momenti di relativo declino. Ultimamente, le sue quotazioni sembrano tornate ad essere molto alte, ma questo poco importa. Quello che importa è che è uno scrittore torrenziale, che ha scritto molto descrivendo l’epoca vittoriana con acume e capacità di coinvolgere il lettore. Solo Le cronache del Barsetshire – contea inesistente, creata dalla sua fantasia – occupano 3.300 pagine. Non spaventatevi, il ciclo ha una sua unità ma ogni romanzo sta in piedi da sé, e il primo della serie – L’amministratore – è anche il più breve. Io consiglio di provare a leggerlo e poi, se vi appassiona come successe a me, potrete continuare. E in particolare, pur essendo Trollope contemporaneo di altri grandi scrittori inglesi come Dickens, Collins e Thackeray, lo consiglio a chi ha amato Jane Austen. Trollope ha molte somiglianze con la Austen: scrive 50 anni dopo, descrive la città piuttosto che la campagna, parla di una Inghilterra che è molto cambiata e industrializzata, ma in qualche modo a mio modesto parere è un continuatore dello spirito della grande scrittrice.

Tiresia

Pubblicità

4 thoughts on “Anthony Trollope ” Le cronache del Barsetshire “

  1. Di Trollope ho letto “L’amministratore” e “Le torri di Barchester”, che ho trovato nulla più che piacevoli; meglio comunque il primo, che è anche più breve.
    T. è un buon narratore, e si diverte a descrivere con un’ironia tra il severo e il bonario i maneggi, specie quelli ecclesiastici, per il potere, grande e piccolo.
    L’epilogo in genere è il trionfo del compromesso e del quieto vivere.
    Offre talora saggi della diplomazia ipocrita british, inanellando una serie di personaggi che effettivamente Dickens un poco lo ricordano.
    Il paragone però lo fermerei qui, visto che Dickens per verve, incisività, fantasia, ritmo narrativo (che invece in T. spesso latita) è tutta un’altra cosa.
    Il paragone con Jane Austin invece non mi è proprio venuto in mente.

  2. Caro Poronga, premesso che i gusti sono personali, non sei un po’ troppo severo col povero Trollope? Hai ragione a mettere in evidenza certi suoi limiti, ma la sua importanza è quella di essere uno di quegli scrittori che descrive un intero mondo, nello specifico quello vittoriano. Forse a me piace Trollope perché mi affascina quel mondo. E aggiungo che proprio la minore fantasia rispetto a Dickens e una certa ‘normalità’ negli epiloghi – che tu hai giustamente rilevato – ne fanno non uno scrittore migliore, ma un miglior interprete del mondo vittoriano. Vorrei sapere se fra gli Asinisti c’è qualche altro estimatore di Trollope.

  3. Mr. Trollope è nome che mi affascina. Racconta quella Inghilterra che mi attrae forse, non lontana da Sir Arthur Conan Doyle di cui amo le atmosfere e i plot dell’inquilino di Baker Street. Non avendo letto nulla di questo signore vittoriano mi appresto ad acquistare l’amministratore anche se il primo ministro mi intriga di più ma 1128 pagine rischiano lo stallo. Da sempre preferisco saggi a romanzi. Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...